shadow

Scopriamo insieme la Brianza

La Brianza possiamo definirla anche la terra dei laghi, infatti proprio in questo spazio tra Lecco, Como e la zona nord di Milano c’è il maggior numero di laghi di tutta la Lombardia, i cosiddetti laghi Briantei.
Il territorio brianzolo non ha confini politici precisi, ma racchiude un’area geografica che interessa le province di Lecco, Como, Monza e Brianza. Possiamo assumere come confini naturali: le valli prealpine a nord, dalla Valle San Martino fino alle valli occidentali del triangolo lariano dove nascono il Lambro e il Seveso, il fiume Adda a est e il canale Villoresi a sud.
La Brianza è una terra ricca sotto diversi aspetti: naturalistico, storico-culturale, religioso, enogastronomico. La Brianza è tutta da scoprire e vivere!

Video a cura di koy Loris A

Cosa vedere in Brianza

Partenza: Alpe del Viceré
Tempo: 0:55
Altitudine: 1320 m
Dislivello: 420 m
Difficoltà: E

La reggia di Monza, residenza estiva voluta da Maria Teresa d’Austria per il figlio, ha il parco recintato più grande d’Europa. Villa reale, parco e giardini da scoprire per emozionarsi.

La Canonica di San Salvatore a Barzanò è uno degli esempi più pregevoli di romanico in Brianza. Al suo interno fonte battesimale in marmo e affreschi.

In Brianza a Briosco il Parco Rossini Art Site è un esempio di parco artistico e naturalistico adatto specialmente per le famiglie.

Santuario Madonna del Bosco a Imbersago elevata a Basilica da Papa Giovanni XXIII.

Alla fine dell’Ottocento a Cornate d’Adda la centrale Bertini ha rivoluzionato i tram a Milano sostituendo i cavalli con l’energia elettrica.

Dai Celti ai Visconti, passando dalla regina Teodolinda e il Barbarossa. Ecco Trezzo: storia, cultura ed un’imponente centrale idroelettrica.

Maestosa si specchia nelle acque dell’Adda a Trezzo. Ecco la centrale idroelettrica Taccani.

Da Lecco a Rivolta d’Adda, un patrimonio naturalistico e di archeologia industriale, sulle tracce di Leonardo da Vinci.

Escursioni ed itinerari naturalistici che permettono di respirare e vivere lo spirito del bosco, la Riserva Naturale del Sasso Malascarpa: ecco Canzo.

In cima alla collina di Montevecchia il santuario della Beata Vergine del Carmelo offre uno spettacolare panorama sulla Brianza.

Partenza: Valmadrera
Tipologia: ciclostrada
Lunghezza: 69 Km
Difficoltà: media

Parco del Segrino, riconosciuto sito di interesse comunitario, presenta una natura incontaminata a pochi minuti dalla città di Lecco.

Un modello di sviluppo compatibile tra natura ed attività umana. Zone di interesse ambientale con bellezze naturalistiche e architetture rurali in prossimità della collina di Montevecchia.

Villa Sommi Picenardi: un vasto parco con giardini all’italiana e all’inglese.

A 10 minuti da Lecco, immerso nel Parco regionale del Monte Barro, il museo Documenta la vita quotidiana delle classi popolari nel lecchese e in Brianza nei secoli XIX e XX.

Montevecchia con le sue tre piramidi è terra di vini, di natura con il Parco del Curone e di mistero. In Brianza un paese dalle mille sfaccettature.

I Laghi Briantei