Don Rodrigo e il conte Attilio

Quel frate, – continuò, – con quel suo fare di gatta morta, e con quelle sue proposizioni sciocche, io l’ho per un dirittone, e per un impiccione. E voi non vi siete fidato di me, non m’avete mai detto chiaro cosa sia venuto qui a impastocchiarvi l’altro giorno.

eccoLecco newsletter

Leggi la Policy Privacy


Privacy Policy


Seguici anche su Facebook